Guarda tutte le partite dei mondiali Fifa su sky

Tris delle squadre migliori dei mondiali Brasile 2014

Il debutto difficile di alcune big

Con la bella, festosa e colorata cerimonia inaugurale del 12 giugno tutte le polemiche della vigilia sono state spazzate via in un solo colpo e finalmente la 20esima edizione dei Mondiali Fifa ha preso il via. Tutte le big, o presunte tali, sono scese in campo con risultati però altalenanti. I responsi delle prime partite hanno sovvertito alcuni pronostici della vigilia, mettendo in serio pericolo il futuro di alcune squadre accreditatissime ai blocchi di partenza. La netta, quanto meritata, sconfitta della Spagna contro l’Olanda ha davvero dell’incredibile. Gli spagnoli, campioni del mondo in carica e primi nel Ranking FIFA, all’esordio hanno sofferto le pene dell’inferno e rimediato una sconfitta (1-5) così pesante che difficilmente sarà archiviata in fretta. Un’altra quotata formazione che ha pagato oltre misura lo scotto del debutto è stata quella uruguaiana. La squadra di Tabarez, alla vigilia ritenuta dagli addetti ai lavori una delle candidate al successo finale, ha incredibilmente sciupato l’occasione di conquistare i primi tre contro la Costa Rica.

Buona la prima per Brasile, Italia, Argentina, Francia e Germania

Buona la prima, invece, per Brasile, Italia, Argentina, Francia e Germania. Di queste formazioni non tutte hanno però brillato all’esordio. Il Brasile ha vinto, ma pesa sull’affermazione brasiliana il generoso rigore concesso per presunto fallo su Fred, mentre l’Argentina non ha entusiasmato affatto contro la Bosnia. Migliori indubbiamente gli esordi in questi mondiali 2014 di Italia, Francia e Germania. Sono stati davvero convincenti i debutti di queste tre formazioni e le loro prestazioni hanno convinto anche i più scettici. Oggi, visti i primi incontri, potremmo azzardare un bel tris di squadre migliori dei Mondiali Brasile 2014 formato dal Brasile, la Germania e l’Italia.

Il Brasile: la forza dei singoli e il vantaggio di giocare in casa

Il Mondiale per la Selecao non è iniziato come si sperava, con la stampa e i tifosi che hanno accolto le due prime grigie prestazioni con ironia e delusione. Dopo il sofferto debutto del 12 giugno, il Brasile ha fatto ancora peggio contro il Messico non andando oltre un amaro 0-0. Pesanti le critiche rivolte allo sterile attacco brasiliano anche se l’alta qualità tecnica dei singoli offre ampi margini di miglioramento. In attacco, Neymar non si discute e con la sua innata classe può in qualunque momento cambiare le sorti di una partita. Il suo dribbling e la sua rapidità torneranno utili al Brasile con il prosieguo della competizione. In difesa, David Luiz e Thiago Silva garantiscono la dovuta solidità mentre Oscar, Hernanes, Ramires e Luiz Gustavo in mezzo al campo hanno tutti i mezzi e le caratteristiche per farsi valere. Probabilmente finora i verdeoro hanno pagato a caro prezzo la pressione di dovere vincere a tutti i costi, ma alla lunga il fatto di giocare in casa potrebbe rivelarsi di grande aiuto. Considerare prematuramente il Brasile fuori dai giochi sarebbe un gravissimo errore, perché la formazione di casa ha tutte le carte in regola per riprendersi e resta una delle più accreditate alla vittoria finale.

Grande esordio per la Germania

Guarda tutte le partite dei mondiali Fifa su skyNon poteva cominciare meglio il Mondiale 2014 per la squadra tedesca. I quattro gol rifilati al Portogallo di Cristiano Ronaldo sono stati davvero un bel biglietto da visita. Low può ritenersi soddisfatto perché la squadra è apparsa in salute fin dalle prime battute e ha confermato di poter far parte a pieno titolo del lotto delle favorite. Un gruppo completo che vanta tra le sue file giocatori di esperienza e giovani interessanti. Una formazione di tutto rispetto e forte in ogni reparto. A favore della Germania c’è anche la tradizione che vuole la squadra tedesca spesso protagonista nelle grandi competizioni.

Italia: bel gioco e grande carattere

A Manaus contro l’Inghilterra, la formazione di Cesare Prandelli ha fatto una gran bella impressione perché ha mostrato ottime individualità ed è stata capace di saper soffrire nei momenti critici. Una gara di livello che ha convinto tutti, anche perché al cospetto di un avversario tutt’altro che arrendevole e giocata in condizioni difficili. Un avvio che lascia ben sperare per il futuro. Le potenzialità del gruppo italiano non si discutono, grazie a giocatori di consolidata esperienza internazionale quali Pirlo, Buffon, Chiellini e De Rossi, e a una schiera di giovani interessanti come Verratti, Immobile, Insigne e Balotelli. Alla viglia l’Italia non era pronosticata tra le prime quattro, ma l’impressione fatta all’esordio è stata molto incoraggiante per il futuro.

Definire oggi Brasile, Germania e Italia il tris delle squadre migliori dei mondiali Brasile 2014 non è un delitto ma, per quanto visto, quasi un atto dovuto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>