ristorante-di-classe

Come valutare un ristorante di classe

Cosa osservare con attenzione

Scegliere un ristorante di classe non è un compito facile, perché sono diverse le variabili da valutare quando si tratta di mangiare fuori casa e trovare realmente qualità e cortesia.
Questo vale a maggior ragione quando il menù è a base di pesce.
Come è noto il pesce è un alimento che tende a deteriorasi e a perdere le sue qualità organolettiche in breve tempo e questo significa che deve essere lavorato da mani esperte.
Le caratteristiche da considerare, quindi, per valutare e scegliere un ristorante di classe riguardano l’ambiente, il tipo di servizio offerto e la qualità del cibo.
Sono questi i 3 capisaldi su cui si basa l’esclusività di un ristorante e che vanno valutati rispettandone la necessaria successione.
Tutte queste regole sono un caposaldo per Ciani, il ristorante a Lugano.

L’ambiente di un ristorante di classe

La cura dei dettagli anche in un ristorante che ha i suoi piatti forti a base di pesce, è fondamentale.
Entrare in un ambiente, accogliente, caldo, con un tema che rispetti lo stile e non sia esageratamente sfarzoso è quello che ci vuole per accompagnare ogni pasto.
In particolare i ristoranti dove si serve il pesce hanno una chance in più di deliziare i loro clienti, non solo con il cibo.
Il pesce viene dal mare e l’essere vicini alla riva, quando possibile, è un valore aggiunto che non ha eguali, quanto a valorizzazione della location.
La vista del mare è qualcosa che dà una sensazione di libertà tale da permettere alla mente di rilassarsi e trovare un equilibrio e un’affinità tra il panorama che si osserva e quello che si sta gustando.
Il profumo del mare, il suono della risacca, la luce dell’ora di pranzo o di cena, il tramonto, i gabbiani e tutto il contesto, non possono che rappresentare una piacevole cornice per esaltare maggiormente gli stessi sapori.
E’ naturale che da un ristorante di classe ci si aspetti ordine, pulizia a tutti i livelli e l’applicazione delle norme igienico sanitarie che fanno parte della stessa professionalità del personale che eleva. e di molto, la qualità di un punto di ristorazione.
Il contesto e quindi l’ambientazione di un ristorante deve essere consono anche all’occasione per la quale ci si reca a mangiare fuori.
Se si tratta di una cena di coppia, un incontro formale di lavoro, un appuntamento importante, è d’obbligo una location elegante, non frivola, riservata. e che abbia quel rango di esclusivo che è proprio, appunto, di un ristorante di classe.
Le sale del ristorante devono anche lasciare la scelta ai clienti di sedere dove meglio si sentono a loro agio. C’è chi ama la riservatezza, chi non è infastidito da un ristorante ad alta frequentazione, chi cerca espressamente la mondanità, chi vuole fregiarsi con i suoi ospiti di scegliere un ottimo ristorante di fiducia, che non delude le aspettative dei palati più fini.
Soddisfare, allora, le aspettative e le esigenze di tutti i clienti, richiede di saper rispondere in modo adeguato, rispettando il livello raggiunto nell’indice di gradimento.

Il servizio di un buon ristorante

Il ristorante di classe deve necessariamente distinguersi per il servizio.
Anche in questo caso si tratta di professionalità, unita alla capacità di far sentire il cliente importante, accolto nel miglior modo possibile.
È facile dire che la gentilezza e la cortesia sono fondamentali per fidelizzare i clienti, altro è metterle in pratica e nel modo più efficace.
La cortesia non è solo quella verso chi, essendo già stato ospite, viene riconosciuto come una frequentazione abituale collegata anche a un target noto.
Il modo di trattare i clienti deve essere per tutti indistinto, come se fosse sempre la prima volta. Non si tratta solo della volontà di fare una “buona impressione”, ma di adottare uno stile riconoscibile delle buone maniere, usate verso ogni singolo cliente.
Un ristorante di classe non fa attendere i propri ospiti nel prendere posto e neppure tra l’ordinazione e il momento in cui si serve la portata. Anche la successione delle portate non deve essere troppo distanziata nel tempo o troppo ravvicinata. Un servizio regolare e calibrato è simbolo di buona organizzazione, altrimenti il cliente non fa nessun torto ad abbandonare il locale e cercare di meglio altrove.
Non si tratta di essere perfetti, ma avvicinarsi a un servizio impeccabile è possibile, mantenendo sempre un atteggiamento formale, rispettoso e soprattutto premuroso.

La qualità del cibo e degli chef

L’aspetto centrale di un ristorante di classe è la qualità del cibo, quindi il modo di trattare e cucinare le pietanze.
La raffinatezza, l’equilibrio dei sapori e delle porzioni, un tocco scenografico rappresentano le caratteristiche principali.
Il ristorante di classe non ha soltanto il prestigio di cibi ricercati, ma anche la semplicità di quelli più comuni che al palato, e anche alla vista, risultano estremamente gradevoli e appetibili.
Colpiscono i piatti con una grande scenografia, ma non sarebbero di livello se fossero penalizzati da porzioni irrisorie, o al contrario, da quantità eccessive.
Un pasto, infatti, anche nel caso di un menù a base di pesce, deve prevedere un dosaggio adeguato di tutte le porzioni, in modo da non arrivare alla fine troppo appesantiti.
Il menù deve anche essere vario, con l’accostamento di sapori che si esaltano a vicenda. Il pesce, per esempio, si associa sempre a un buon vino bianco.
Proprio la carta dei vini denota non solo quanto è fornita la cantina, ma anche la varietà degli abbinamenti, sia per chi è esperto in materia di enologia, sia per il cliente che ha necessità di un consiglio.
In nessun ristorante di classe c’è il “vino della casa” e ancor meno carenza di rossi e bianchi.

L’american bar

Il ristorante di classe prevede di solito anche l’american bar, con un bancone circolare, in modo da poter servire i clienti da qualunque parte arrivino. All’american bar si possono gustare gli aperitivi con vista sul mare, specie per quei ristoranti che hanno il pregio di trovarsi a ridosso della battigia. I barman sono dei professionisti del settore, e riescono nell’impresa di servire cocktail per tutti i tipi di gusti e richieste.

ritiro-mobili-usati

A chi rivolgersi per il ritiro mobili usati a Torino?

Ripulire casa prima di un trasloco è una procedura che richiede grande impegno ed un notevole dispendio di energie, soprattutto per chi non è competente nello smontare mobili o intere stanze. La cosa più saggia che puoi fare se ti trovi in questa situazione è quindi contattare qualcuno che si occupi di ritiro mobili usati e che disponga dei mezzi e delle competenze per fare un lavoro pulito e veloce. Se sei di Torino e provincia il nostro consiglio è di chiedere a Sgomberi e Traslochi Torino!

Perché proprio questa azienda? La risposta è molto semplice, facendo una piccola ricerca online della suddetta potrai vedere tu stesso quanti sono i feedback positivi che questa ditta di traslochi riceve ogni giorno. Se ti servono degli esperti di ritiro mobili usati a Torino, loro sono decisamente l’opzione migliore che puoi trovare sul mercato.

Punto di forza di Sgomberi e Traslochi Torino sono operai altamente qualificati e specializzati nel montaggio e smontaggio di mobili, anche antichi, e l’impiego di mezzi all’avanguardia per operare in maniera pulita ed efficace. In poche ore avrai di nuovo casa libera e pronta per essere venduta. Niente male vero? Ecco perché dovresti proprio contattarli.

Grazie all’esperienza decennale ed all’esclusiva flessibilità degli orari (la ditta lavora infatti anche domenica e festivi per venire in contro alle tue esigenze), potrai accordarti per un giorno specifico per il ritiro dei mobili usati senza dover sacrificare i tuoi impegni. Per tutte le info e i contatti ti invitiamo a visitare la pagina che trovi al link riportato nei paragrafi precedenti, non rimarrai deluso!